Archive for luglio 2019

Brexit: istruzioni per l’uso

10 luglio 2019

Dopo una lunga serie di votazioni al Parlamento di Westminster in cui veniva bocciata praticamente qualsiasi proposta, anche quelle che si contraddicevano fra di loro, finalmente è arrivata la tanto attesa svolta di Corbyn: chiede un secondo referendum sulla Brexit e annuncia che farà campagna per il Remain. Una posizione nuova per lui, salutata con entusiasmo dagli europeisti al di qua e al di là della Manica.


Attenzione però, non è tutto oro quello che luccica: qualcuno ha osservato che la mossa del leader laburista è un passo nella direzione giusta, ma il suo partito è ancora a metà del guado.

Corbyn ha detto che rimanere è preferibile rispetto a un’uscita senza accordo o all’accordo negoziato dai conservatori, ma non si è espresso sulle sue intenzioni nel caso in cui andasse al governo. Lo ha fatto al posto suo Clive Lewis, ministro ombra laburista del Tesoro: ha detto che se vincessero le elezioni cercherebbero di negoziare un altro accordo per uscire. Insomma, purtroppo non è la Brexit a non piacere ai laburisti, ma solo la Brexit dei conservatori.

Ammesso e non concesso che l’Unione Europea sia disposta ad altre trattative, i conservatori a quel punto avrebbero due possibilità. Se veramente il loro obiettivo è la Brexit e non il potere, dovrebbero approvare l’accordo laburista.
Anzi: se veramente volessero la Brexit a tutti i costi, dovrebbero cedere immediatamente e spontaneamente il potere a Corbyn, senza neanche andare alle urne: lo metterebbero con le spalle al muro, impedendogli di approdare alla sponda del Remain, e lo manderebbero a negoziare un qualunque accordo a Bruxelles con alle spalle un forte blocco parlamentare per l’uscita.

In alternativa potrebbero chiedere a loro volta di sottoporre l’accordo laburista a un terzo referendum. In questo caso la speranza è che, dopo la bocciatura dell’accordo dei conservatori nel secondo referendum, l’accordo dei laburisti venga bocciato dai conservatori nel terzo, e così via, congelando la Brexit indefinitamente. Finché le future generazioni, quando si saranno dimenticate del motivo del contendere e non ricorderanno neanche i nomi dei politici attuali, lasceranno cadere ogni tentativo di accordo e chiederanno alla vecchia regina Elisabetta di mettere fine una volta per tutte a questa follia.

Il vecchio e il nuovo / 2

3 luglio 2019

“Nuovo” è uno dei concetti più relativi che ci siano: ogni cosa nuova a un certo punto diventa vecchia. Lo sanno bene i fiorentini: la splendida basilica di Santa Maria Novella (cioè appunto “nuova”) è stata chiamata così perché costruita dove prima sorgeva la “vecchia” chiesetta di Santa Maria delle Vigne (la quale però a sua volta, appena costruita, avrebbe potuto fregiarsi del titolo di “nuova”). Ironia della sorte, pochi anni dopo – e non troppo lontano da lì – è stata costruita la cattedrale di Santa Maria del Fiore: oggi quindi, fra le due più famose chiese di Firenze dedicate a Santa Maria, quella “Novella” è la più antica.

Il paradosso è portato al culmine a Parigi, dove il Pont Neuf è il ponte più vecchio della città (c’è il trucco: ce n’erano ovviamente di più antichi ma non sono arrivati ai nostri giorni). Sui nomi dei ponti erano stati più accorti proprio i fiorentini: il Ponte Vecchio non potrà mai essere superato in anzianità.