L’uomo nero

Nel film di Spike Lee BlacKkKlansman, un agente di polizia afroamericano riesce incredibilmente a infiltrarsi nel Ku Klux Klan (i suoi rapporti con l’organizzazione razzista sono solo telefonici, mentre dal vivo è sostituito da un collega bianco – ed ebreo, per colmo dell’ironia).

Il film è tratto da una storia vera, ma ce n’è un’altra ancora più sorprendente.
Il protagonista è l’afroamericano James Stern, pastore della Chiesa battista e attivista per i diritti degli afroamericani.


Durante un periodo in carcere per frode postale, Stern conosce Edgar Ray Killen, ex leader del Ku Klux Klan condannato per omicidio. Nonostante la sua pelle nera, Stern riesce a legare con Killen e tramite lui entra in contatto con Jeff Schoep, presidente dell’Nsm (National Socialist Movement – un movimento neonazista già dal nome).

Quando Schoep si trova in difficoltà per le denunce contro l’Nsm, Stern gli propone di liberarlo dalle cause legali assumendosi lui stesso il controllo del movimento.

La dinamica non è del tutto chiara, ma il risultato è che alla fine Stern riesce nel suo intento e subentra a Schoep, diventando presidente dell’Nsm. Il primo di colore, senza dubbio. E molto probabilmente anche l’ultimo: il suo intento dichiarato è quello di far sparire definitivamente il movimento. Niente male per un infiltrato. Un po’ come se Totti diventasse presidente della Lazio.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: