Sionista a chi?

Alain Finkielkraut, noto filosofo francese, ha avuto parole di elogio nei confronti dei gilè gialli: «Questa insurrezione improvvisa, questa rivolta della gente che appartiene a un luogo contro la gente di nessun luogo, mi ha effettivamente reso felice. La classe dominante, quella che non appartiene a nessun luogo, ha fallito».

Poco tempo dopo, qualche esponente degli stessi gilè gialli ha dimostrato di non ricambiare la simpatia, urlandogli un poco amichevole «Sporco sionista tornatene in Israele».
Di fronte a questa reazione si può capire l’imbarazzo di Finkielkraut, ma non è questo il paradosso principale.
Il sionismo è il movimento che propugna l’aliyah (cioè il “ritorno”) degli ebrei della diaspora nello Stato di Israele. Quindi chi invita un ebreo a “tornarsene” in Israele è pienamente sionista, e lo è molto più di un ebreo che invece vuole restare nel suo Paese.

(Grazie a Luca Simonetti e Scellero Fulmini/Antonio Mosca per la segnalazione)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: