Archive for marzo 2019

L’uomo nero

20 marzo 2019

Nel film di Spike Lee BlacKkKlansman, un agente di polizia afroamericano riesce incredibilmente a infiltrarsi nel Ku Klux Klan (i suoi rapporti con l’organizzazione razzista sono solo telefonici, mentre dal vivo è sostituito da un collega bianco – ed ebreo, per colmo dell’ironia).

Il film è tratto da una storia vera, ma ce n’è un’altra ancora più sorprendente.
Il protagonista è l’afroamericano James Stern, pastore della Chiesa battista e attivista per i diritti degli afroamericani.


Durante un periodo in carcere per frode postale, Stern conosce Edgar Ray Killen, ex leader del Ku Klux Klan condannato per omicidio. Nonostante la sua pelle nera, Stern riesce a legare con Killen e tramite lui entra in contatto con Jeff Schoep, presidente dell’Nsm (National Socialist Movement – un movimento neonazista già dal nome).

Quando Schoep si trova in difficoltà per le denunce contro l’Nsm, Stern gli propone di liberarlo dalle cause legali assumendosi lui stesso il controllo del movimento.

La dinamica non è del tutto chiara, ma il risultato è che alla fine Stern riesce nel suo intento e subentra a Schoep, diventando presidente dell’Nsm. Il primo di colore, senza dubbio. E molto probabilmente anche l’ultimo: il suo intento dichiarato è quello di far sparire definitivamente il movimento. Niente male per un infiltrato. Un po’ come se Totti diventasse presidente della Lazio.

Annunci

Sionista a chi?

5 marzo 2019

Alain Finkielkraut, noto filosofo francese, ha avuto parole di elogio nei confronti dei gilè gialli: «Questa insurrezione improvvisa, questa rivolta della gente che appartiene a un luogo contro la gente di nessun luogo, mi ha effettivamente reso felice. La classe dominante, quella che non appartiene a nessun luogo, ha fallito».

Poco tempo dopo, qualche esponente degli stessi gilè gialli ha dimostrato di non ricambiare la simpatia, urlandogli un poco amichevole «Sporco sionista tornatene in Israele».
Di fronte a questa reazione si può capire l’imbarazzo di Finkielkraut, ma non è questo il paradosso principale.
Il sionismo è il movimento che propugna l’aliyah (cioè il “ritorno”) degli ebrei della diaspora nello Stato di Israele. Quindi chi invita un ebreo a “tornarsene” in Israele è pienamente sionista, e lo è molto più di un ebreo che invece vuole restare nel suo Paese.

(Grazie a Luca Simonetti e Scellero Fulmini/Antonio Mosca per la segnalazione)

Primum non nocere

1 marzo 2019

… quelle volte che ti va di traverso lo sciroppo per la tosse e prendi a tossire furiosamente…