Ricchi e poveri

«Di che colore è la tua macchina? Come, non ce l’hai? Ma allora sei proprio uno sficato!» (o uno sfigato, nella versione settentrionale). È una frase che non pochi ragazzi italiani ed europei si sono sentiti dire nella seconda metà del Novecento, specialmente a partire dagli anni Sessanta, quando l’automobile era diventata il classicissimo status symbol. Ecco invece una possibile versione attuale: «Non hai la macchina? Interessante, racconta!»: nelle zone socialmente più evolute d’Europa come l’Olanda, la Germania e la Svizzera, è di tendenza andare in bicicletta. La macchina è considerata volgare e antiecologica: ormai è il sogno dei popoli di più recente industrializzazione come i cinesi – quelli che negli anni Settanta andavano in bicicletta.

Non è solo una questione di trasporti. «Il digital divide riguardava l’accesso alla tecnologia, e adesso che tutti ce l’hanno, il nuovo digital divide è limitare l’accesso alla tecnologia. Quello che può succedere ora è che i figli dei più poveri e del ceto medio cresceranno con gli schermi, mentre i figli dell’elite di Silicon Valley torneranno ai giocattoli di legno e al lusso delle interazioni umane»: lo racconta l’ex direttore di Wired Chris Anderson, citato da Forbes.

Ma tutto è cominciato col cibo: negli Stati Uniti l’obesità da junk-food è una piaga soprattutto negli Stati più poveri, tra gli afroamericani e gli ispanici, mentre le classi elevate di New York e della California si possono permettere il lusso di una dieta salutare e dell’attività fisica (magari con un personal trainer).


In generale, nei Paesi occidentali, quando una persona si china a fare l’elemosina a un’altra, è molto probabile che la più magra delle due sia la prima. Del resto, anche nei telegiornali italiani è più facile vedere un eccesso di peso in una casalinga di Secondigliano che in una manager milanese: non ci vuole molto a immaginare quale delle due vada più spesso dal dietologo. E qui il paradosso sociale raggiunge l’estremo con una battuta che gira in rete: «Cosa direbbe mia nonna se sapesse che spendo più per dimagrire che per mangiare?».

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: