Archive for novembre 2018

Ricchi e poveri

23 novembre 2018

«Di che colore è la tua macchina? Come, non ce l’hai? Ma allora sei proprio uno sficato!» (o uno sfigato, nella versione settentrionale). È una frase che non pochi ragazzi italiani ed europei si sono sentiti dire nella seconda metà del Novecento, specialmente a partire dagli anni Sessanta, quando l’automobile era diventata il classicissimo status symbol. Ecco invece una possibile versione attuale: «Non hai la macchina? Interessante, racconta!»: nelle zone socialmente più evolute d’Europa come l’Olanda, la Germania e la Svizzera, è di tendenza andare in bicicletta. La macchina è considerata volgare e antiecologica: ormai è il sogno dei popoli di più recente industrializzazione come i cinesi – quelli che negli anni Settanta andavano in bicicletta.

Non è solo una questione di trasporti. «Il digital divide riguardava l’accesso alla tecnologia, e adesso che tutti ce l’hanno, il nuovo digital divide è limitare l’accesso alla tecnologia. Quello che può succedere ora è che i figli dei più poveri e del ceto medio cresceranno con gli schermi, mentre i figli dell’elite di Silicon Valley torneranno ai giocattoli di legno e al lusso delle interazioni umane»: lo racconta l’ex direttore di Wired Chris Anderson, citato da Forbes.

Ma tutto è cominciato col cibo: negli Stati Uniti l’obesità da junk-food è una piaga soprattutto negli Stati più poveri, tra gli afroamericani e gli ispanici, mentre le classi elevate di New York e della California si possono permettere il lusso di una dieta salutare e dell’attività fisica (magari con un personal trainer).


In generale, nei Paesi occidentali, quando una persona si china a fare l’elemosina a un’altra, è molto probabile che la più magra delle due sia la prima. Del resto, anche nei telegiornali italiani è più facile vedere un eccesso di peso in una casalinga di Secondigliano che in una manager milanese: non ci vuole molto a immaginare quale delle due vada più spesso dal dietologo. E qui il paradosso sociale raggiunge l’estremo con una battuta che gira in rete: «Cosa direbbe mia nonna se sapesse che spendo più per dimagrire che per mangiare?».

Annunci

Piccoli vichinghi e piccole vichinghe

15 novembre 2018

I vichinghi (uomini e donne) dovevano essere fisicamente molto simili agli islandesi di oggi, anche se per come si presentavano avevano probabilmente un aspetto molto più minaccioso (c’erano anche le donne guerriere). I bambini, invece, loro sì che erano veramente bambolotti biondi come li vediamo oggi.


I genitori però non si facevano conquistare da tanta tenerezza, e se un bambino era debole o cagionevole veniva abbandonato senza troppi rimorsi – tipica usanza delle società primitive molto militarizzate.

Oggi invece gli islandesi, oltre a essere notoriamente pacifici – il che conferma che le usanze di un popolo sono culturali e non genetiche – sono anche molto attenti all’educazione dei bambini (maschi e femmine). Uno degli esperimenti più innovativi (e più discussi) è quello dell’educatrice femminista Margrét Pála Ólafsdóttir, che sostiene il principio delle classi separate negli asili. La motivazione è che, quando stanno tutti insieme, i bambini sono più aggressivi e tendono ad adottare comportamenti considerati “maschili”, come urlare, fare chiasso, correre qua e là, saltare, e in generale prendere l’iniziativa ed essere indipendenti; le bambine, viceversa, tendono a evitare questi atteggiamenti. La Ólafsdóttir vuole che anche le bambine si concedano di essere scalmanate, e pensa che il modo migliore è separarle dai bambini. E può essere che abbia ragione.

Ma che fare per un bambino (maschio) dal carattere più introverso e tranquillo, come ce ne sono tanti? Non ha diritto anche lui a uno spazio dove esprimere la sua vivacità, senza essere penalizzato dalla presenza dei compagni iperattivi? Oppure in quanto maschio è tenuto a confrontarsi con gli altri maschi, come se fosse una competizione sportiva? O lo mandiamo direttamente nella classe femminile? O forse, più coerentemente, bisognerebbe fare classi separate a seconda del livello di vivacità e introversione?

Ma il ragionamento può andare oltre. Perché limitarsi agli asili? Anzi, a maggior ragione bisognerebbe separare ragazzi e ragazze quando iniziano a essere fisicamente molto diversi e ad avere esigenze e comportamenti diversi, anziché all’asilo dove sono molto simili. Vogliamo le scuole separate, come nell’Ottocento! È questo il femminismo?