La ricerca di Averroè

Nella sua ariosa casa di Cordoba, il grande filosofo Averroè stava leggendo le opere di Aristotele, com’era sua abitudine.
Qualcosa però turbava la sua felicità; c’erano due parole nella Poetica che non riusciva a capire: “Tragedia” e “Commedia”. Non poteva capirle: il teatro era sconosciuto alla cultura araba.

Averroes

A un tratto, Averroè fu distratto dai rumori provenienti dal patio: alcuni ragazzi giocavano. Uno impersonava il muezzin, un altro il minareto e un terzo i fedeli.
Senza saperlo, stavano improvvisando una scena teatrale.
E non lo sapeva neanche il grande filosofo, che tornò a concentrarsi nel vano tentativo di comprendere le arcane parole di Aristotele.

Da: Jorge Luis Borges, “La busca de Averroes”. In: El Aleph

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: