Il ragionamento più assurdo di sempre / 2: lo sfidante

La concorrenza si fa sempre più agguerrita.
Il campione in carica del “ragionamento più assurdo di sempre” era l’arcivescovo di Milano Angelo Scola, con il suo fantastico «la laicità limita la libertà religiosa».
Sempre in tema di laicità, è notevole anche la conclusione del Consiglio di Stato italiano, secondo cui «la presenza del crocifisso nelle aule scolastiche è un simbolo di laicità».
Ma non bastava a scalzare Scola dalla vetta della classifica.
Ci è riuscito, forse, Vladimir Putin.

Vladimir_Putin

Questa la dichiarazione del presidente russo: «Se Berlusconi fosse stato omosessuale nessuno lo avrebbe toccato con un dito».

Annunci

Una Risposta to “Il ragionamento più assurdo di sempre / 2: lo sfidante”

  1. Living life in war | Casi paologici Says:

    […] scolastiche è un simbolo di laicità. In seguito, Vladimir Putin ha insidiato il primato con un’affermazione sensazionale: «Se Berlusconi fosse stato omosessuale nessuno lo avrebbe toccato con un dito». […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: