E Torquemada era amico degli eretici

Si sa che quando qualcuno muore bisogna parlarne bene. Il caso di Margaret Thatcher è stata una parziale eccezione: accanto agli elogi sono arrivate grida di giubilo (comprensibili anche se di pessimo gusto) e sobrie prese di distanza critiche.
Ma non sono mancati gli sperticati riconoscimenti ai suoi pregi (tutti da dimostrare): è stata definita addirittura un’icona del femminismo (!).
Qualcuno poi ha esagerato. Carlo Stagnaro, dell’Istituto Bruno Leoni, nel suo epitaffio sul sito Quotidiano Energia è arrivato ad attribuirle il merito di avere instaurato nel Regno Unito la giustizia sociale [sic!]: «E spinse, e premette, e volle e ottenne mercato dove c’era lo Stato, competizione dove c’era il monopolio, efficienza dove c’era il lassismo, giustizia sociale dove c’era privilegio sindacale» (il corsivo è mio). Complimenti.

front-page-margaret-thatcher

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: