Archive for dicembre 2012

Gli Stati Uniti tutelano la salute dei bambini

27 dicembre 2012

Danger
Le spiegazioni della prima foto sono note: la lobby dei costruttori di armi si richiama al Secondo emendamento della Costituzione degli Stati Uniti che, in effetti, sancisce il diritto dei cittadini a possedere armi e portarle con sé (il testo però non specifica i tipi di armi: molti suggeriscono di proibire quelle automatiche o semiautomatiche, ma il divieto si potrebbe forse estendere alle armi da fuoco in generale).
Meno indagate le ragioni della seconda foto. Il Food, Drug and Cosmetic Act del 1938, pensato per tutelare la salute dei bambini e mai più abolito, vieta di inserire oggetti non commestibili all’interno di oggetti commestibili, a meno che non siano funzionali (come il bastoncino del lecca-lecca).

Annunci

Grandi comici a confronto / 2

21 dicembre 2012

Nel suo show su Rai 1 (che ha totalizzato ben il 44% di share), Benigni ha dedicato tutta la prima parte a una satira su Berlusconi, a detta di molti un po’ stanca se non trita.
Contemporaneamente, su Rete 4, andava in onda l’originale, senza dubbio molto più spassoso. Ma ha raccolto un misero 7% di share.

benigni-berlusconi

Il capolavoro di Benigni

19 dicembre 2012

«Bisognerebbe organizzare un giorno a difesa della nostra lingua: l’Italian Language Day»
Roberto Benigni

Benigni

Senza parole

17 dicembre 2012

«Gli italiani scelgano i grandi partiti, come il Pdl. I piccoli non hanno mai fatto l’interesse del Paese, ma quello del loro piccolo leader».
Silvio Berlusconi

berlusconi

Grandi comici a confronto

13 dicembre 2012

Beppe Grillo: «Se c’è qualcuno che reputa che io non sia democratico, allora prende e va fuori dalle palle».
Mi ricorda una battuta del suo ex-collega Woody Allen: «Quel tizio insisteva a darmi del mafioso. Così alla fine ho dovuto fargli sparare».

beppe grillo-woody allen

Il ragionamento più assurdo di sempre

11 dicembre 2012

Il cardinale Scola, arcivescovo di Milano, ha perso una buona occasione per starsi zitto, affermando che lo Stato laico mette a rischio la libertà religiosa: «Sotto una parvenza di neutralità e oggettività delle leggi, si cela e si diffonde – almeno nei fatti – una cultura fortemente connotata da una visione secolarizzata dell’uomo e del mondo, priva di apertura al trascendente. In una società plurale essa è in sé stessa legittima ma solo come una tra le altre. Se però lo Stato la fa propria finisce inevitabilmente per limitare la libertà religiosa».

1026640 VENTINOVESIMO CONGRESSO PROVINCIALE ACLI MILANO E BRIANZA

L’anti-avvento

4 dicembre 2012

La data del Natale è stata fissata il 25 dicembre perché era la festa del Sol invictus, cioè del Sole che dopo il solstizio di inverno inizia nuovamente ad allungare le giornate.
Nella liturgia cristiana il Natale è preceduto dall’Avvento, cioè dall’attesa della nascita di Gesù (e oggi è diventato anche il periodo degli addobbi, degli acquisti e del Calendario dell’avvento con i dolcetti).

adventskalender

Così, senza accorgercene, fino al 21 dicembre accompagniamo festosamente il Sole non al suo trionfo, ma al suo punto più basso (in tutti i sensi).

Non tutte le TAV vengono per nuocere

2 dicembre 2012

Trovato in rete:

TAV