L’allenatore, la madonna e l’emiro

Come riporta la Gazzetta dello Sport, l’allenatore del Manchester City Roberto Mancini attribuisce la sua vittoria nell’ultimo campionato inglese nientemeno che all’intervento della madonna di Medjugorje.
Le prove che Mancini cita sembrano in effetti inconfutabili: lui stesso avrebbe chiesto al giocatore croato Nikica Jelavic, attaccante dell’Everton, di segnare un gol ai rivali del Manchester United, e la riprova è che Jelavic ha segnato non uno ma ben due gol decisivi (cosa che si sarebbe ben guardato dal fare se non per la richiesta di Mancini – o della madonna).
Per giunta, tanto per zittire gli increduli, Mancini aggiunge che Jelavic è nato non lontano da Medjugorje e, per tagliare la testa al toro, conclude che la partita decisiva, vinta dal City contro il Queen’s Park Rangers all’ultima giornata di campionato, si è disputata il 13 maggio, giorno della festa della madonna di Fatima (evidentemente una vale l’altra).

Come fa notare Alessandro Chiometti sul sito Cronache laiche, è piuttosto paradossale pensare che la madonna non solo faccia il tifo, ma addirittura si adoperi per far vince la squadra di proprietà… dell’emiro Mansur bin Zayd Al Nahyan!
L’unico dato sicuro che emerge dalle affermazioni di Mancini è la sua assoluta sfiducia nei confronti della propria squadra e delle sue doti di allenatore.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: