I pericoli della montagna

L’alta via delle Dolomiti, con i suoi percorsi in quota, le sue vie ferrate e le notti in rifugio o in bivacco, è un’opportunità unica per vivere pienamente la montagna e osservarla “dal di dentro”.

Un lato negativo è che quasi mai i rifugi sono provvisti di docce (tanto meno di docce calde): proprio quello che invece uno vorrebbe, dopo una giornata passata a scarpinare.
In uno di questi rifugi, una sera, ho avuto un’idea geniale: in assenza di doccia, potevo almeno sciacquarmi i piedi nel lavandino.
L’operazione non era semplice, e ha richiesto un panchetto di legno (che per fortuna era proprio lì, nel minuscolo bagno).
Sono salito sul panchetto con un piede e ho messo l’altro nel lavandino.
È a quel punto che ho sentito uno scricchiolio e, dopo una frazione di secondo, il panchetto ha ceduto.
Mai come quella volta ho avvertito la sensazione che tutte le parti del mio corpo stessero sbattendo da qualche parte: un piede nel lavandino, la testa sul pavimento, l’altro piede su una delle pareti, la schiena da qualche parte sul panchetto. Ho trovato veramente strano non essermi fatto male sul serio.

Durante quella vacanza, mia madre era preoccupata all’idea che potesse succedermi qualcosa su una cengia o una ferrata. Non poteva immaginare che l’unico vero pericolo l’ho corso nel bagno del rifugio.

Annunci

Una Risposta to “I pericoli della montagna”

  1. paleomichi Says:

    per fortuna non ti sei fatto male!!! ma chiedere una bacinella era troppo difficile? :P

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: