A processo per babbonatalicidio

La vigilia di Natale del 1951, nell’atrio della cattedrale di Digione, un pupazzo di Babbo Natale è stato bruciato su iniziativa del locale clero cattolico (con l’appoggio dei protestanti): lo scopo era denunciare il paganesimo che stava minando le tradizioni cristiane europee. Comprensibili ma singolari le diverse reazioni nell’opinione pubblica: i cattolici denunciavano la superstizione, mentre i laici e i razionalisti la difendevano.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: