La persona sbagliata al posto sbagliato

La struttura moderna, “americana”, del mondo del lavoro è in teoria la più funzionale per la produttività, ma in pratica la meno efficiente.

Se un lavoratore si dimostra molto bravo a svolgere una determinata mansione, viene promosso. Se anche al nuovo livello si rivela in gamba, viene promosso di nuovo. E così via, finché non si trova in una posizione in cui non riesce a dimostrarsi all’altezza: a quel punto ovviamente non viene più promosso, e così resta definitivamente lì, nell’unico posto che non gli si addice. E lo stesso vale per tutti gli altri, compresi ovviamente quelli che lo hanno sostituito ai livelli più bassi della sua carriera.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: